Termoarredo; le ultime tendenze con Antrax

scopri le ultime tendenze del termoarredo di design con antrax

Innovazione e design caratterizzano il termoarredo moderno e contemporaneo. Progettati puntando a versatilità,  praticità e risparmio energetico i radiatori di oggi sono dei veri e propri complementi d'arredo.

 

Ma quali sono le utlime tendenze? Quali i radiatori più venduti del 2017? E quali i trend del 2018? 

L'abbiamo chiesto ad Antrax, brand leader del termoarredo di design.

 

Radiatori di design: quali sono le ultime tendenze del 2017/2018?

 

Il mercato del termoarredo si sta muovendo verso uno stile semplice, pulito e lineare. La vera sfida diventa quella di creare dei prodotti altamente tecnologici e innovativi mantenendo la purezza nella forma. Risulta, quindi, più importante l’esercizio di “togliere” piuttosto che di “aggiungere” quando si progetta e si realizza un nuovo radiatore. Le nostre ultime collezioni rispondono proprio a questa esigenza; basti pensare a Tavola, un radiatore ultra piatto composto da una piastra d’alluminio dello spessore di 4 mm e corredato da eventuali accessori. O ancora Android, di Daniel Libeskind, la cui forma è ottenuta piegando e ripiegando su se stessa una semplice lamiera di alluminio. Dalla collaborazione con designer di fama internazionale, stiamo realizzando prodotti esteticamente puliti nella forma, nuovi e innovativi per gli standard di mercato in cui operiamo.

 

Qual’è il termoarredo più venduto delle vostre collezioni nel 2017?

Flaps di Victor Vasilev e Serie T, disegnata da Matteo Thun & Antonio Rodriguez, sono i nostri radiatori best seller. Sin dal loro ingresso nel mercato del termoarredo hanno avuto un successo straordinario, sia per il loro design, semplice e allo stesso tempo ricercato, sia per la versatilità di impiego. Serie T, collezione ricavata da un estruso di alluminio a forma di T, propone diverse configurazioni e può essere collocata in uno spazio bagno, in un ambiente living o ancora in un ingresso.

Un altro prodotto che ha ottenuto un grande apprezzamento dal mondo dell’arredo bagno è il radiatore Tubone, disegnato da Andrea Crosetta. Anche per Tubone, le varie versioni (a pavimento, singolo, doppio, con o senza maniglione) rendono questo radiatore un oggetto multi uso, che può essere utilizzato come scalda salviette, nella versione verticale con maniglione, può essere installato in orizzontale, o essere posizionato di fronte a una vetrata del salone, ad esempio, nella versione con posizionamento a terra.

Termoarredo idraulico o elettrico? Qual’è il più richiesto, quale il più facile da montare e quello a minor maggior risparmio energetico?

 

Antrax ha un’ampia scelta sia di radiatori idraulici sia elettrici, alcuni modelli di scaldasalviette propongono, inoltre, la versione mista, che permette l’utilizzo del prodotto in entrambe le modalità. In generale, i radiatori più venduti rimangono quelli ad acqua calda, ma negli ultimi anni stanno aumentando anche le richieste di radiatori elettrici, in particolare dal mercato europeo.

Tutti i nostri radiatori sono agevoli da montare, il radiatore che funziona ad acqua calda, che necessita di essere collegato all’impianto idraulico richiede qualche attenzione in più, è importante infatti che sia installato da un professionista del settore. La versione elettrica, invece, può essere installata direttamente dall’utente finale, in quanto dotata di spina elettrica e subito utilizzabile.

Tutti i nostri radiatori e scaldasalviette possono funzionare anche a basse temperature e utilizzano un ridottissimo contenuto d’acqua, entrano a regime in tempi molto brevi assicurando, così, un notevole risparmio energetico.

 

Termoarredo bianco o colorato; cosa preferiscono i clienti?

 

I termoarredi bianchi si confermano i più richiesti. Antrax offre diverse tonalità di bianco, dal bianco opaco a quello goffrato, che crea un effetto molto particolare sul prodotto finito perché risulta più ‘materico’ sia al tatto sia alla vista. Nonostante ciò abbiamo molte richieste anche di radiatori in finiture colorate, questo perché sempre più spesso il cliente ama abbinare il radiatore con il resto dell’arredamento per renderlo parte integrante dello spazio e conforme con lo stile abitativo. I nostri clienti possono scegliere tra oltre 200 varianti cromatiche, inclusi i colori esclusivi Antrax, i RAL lucidi e opachi e le finiture cromo e oro.

 

Qual’è il vostro prodotto di punta e perché?

 

Android, disegnato da Daniel Libeskind, è il nostro prodotto di punta per diversi motivi. In primis, perché racchiude in un unico prodotto ciò che abbiamo sempre appreso tramite la ricerca e lo sviluppo. Android è infatti costruito con alluminio al 100% riciclabile e il suo funzionamento, a ridottissimo contenuto di acqua, viene garantito grazie a un circuito ottenuto con un sistema di assemblaggio da noi brevettato che permette l’entrata a regime in tempi molto brevi, assicurando un notevole risparmio energetico. Android rappresenta un punto di arrivo perché è stato sviluppato in collaborazione con uno dei più importanti architetti di fama internazionale, ma anche un punto di partenza per intraprendere nuove sfide e cercare nuovi stimoli, come instaurare nuove sinergie con altri importanti progettisti.

Quale materiale consigliate per il termoarredo di design per estetica e prestazioni tecniche?

 

Antrax opera da diversi anni nel mercato del riscaldamento di design e questo ci ha permesso di maturare esperienze e sviluppare conoscenze relative ai materiali che più si adattano alla produzione di termoarredi. L’unione di esperienze pratiche con studi di settore ci hanno permesso di selezionare i materiali che meglio rispondono alle esigenze costruttive, tecniche e funzionali per la realizzazione dei nostri prodotti: l’acciaio e l’alluminio.

Entrambi sono ottimi conduttori di calore, permettono di ottenere elevate prestazioni dal punto di vista termotecnico e sono ideali per essere verniciati. Selezioniamo l’acciaio o l’alluminio in base al progetto da realizzare.

 

 

Spazio a cura di

Gloria Gargano

web content specialis

 

Scrivi commento

Commenti: 0