la storia del cartongesso

 

 

 

Il gesso è da sempre stato un materiale facile da trovare, ecco il perchè della sua grande diffusione per soluzioni costruttive sin dai tempi antichi. 

 

Le popolazioni Babilonesi, i Caldei e gli Egizi, grandi costruttori dell'epoca, apprezzavano le sue versatili caratteristiche mostrando una forte sensibilità artistica impiegandole per diverse strutture architettoniche.; fra cui i capitelli: Tra gli elementi architettonici forse più antichi, i capitelli egizi erano decorati con loto, papiro e palme. Simboli  con significati ben precisi che hanno dato il via alle decorazioni floreali e lineari dell’epoca classica greco romana, realizzati con materiali pregiati come marmo e pietra.

 

Fu però nel periodo Barocco  e Rococò che il gesso raggiunse il suo massimo utilizzo decorativo per ricreare elementi ricchi di dettagli per uno stile lussuoso e aristocratico. 

 

Il materiale inizialmente venduto sotto forma di piccole piastrelle resistenti al fuoco, in poco tempo fu distribuito in fogli di carta di gesso a multi-strato. 

 

La vera lastra in cartongesso (nota come lastra- sandwich di cartone e gesso) nasce però alla fine dell' 800 negli Stati Uniti. E' stata la Gypsum Company US (USG) ad inventare il cartongesso nel 1916 in origine conosciuto come “Sackett Board “. Ed ebbe un enorme successo! Grazie alla velocità con cui si poteva costruire e i prezzi contenuti del cartongesso lo fecero diventare il materiale dominante al fine della seconda Guerra Mondiale. 

 

 

La sua diffusione inizialmente era circoscritta alle nazioni settentrionali, che utilizzavano abitazioni a telaio di legno. Successivamente, le lastre in gesso rivestito si diffusero in tutta Europa  e dagli anni Sessanta arrivare in Italia. 

 

PEETER GAIANI - IL CARTONGESSO - SANTARCANGELO DI ROMAGNA (RIMINI)