Librerie in cartongesso o in legno .. quale scegliere?

 

Contengono, espongono, sono un piano d’appoggio, contenitori per tv.. di cosa stiamo parlando? Delle librerie! Una libreria di design può decisamente vestire una parete donando quel tocco di glamour ed eleganza all’intero ambiente.

 

Librerie dal design unico e affascinante per un ambiente glamour

Tutte le foto di questa parete attrezzata in cartongesso con ripiani in legno nella sezione del sito I miei lavori!

 

Una parete attrezzata con una libreria realizzata su misura rende unico l’ambiente e facilmente personalizzabile con tutti gli oggetti e accessori che possono essere inseriti nella libreria. Fotografie, cornici in legno, vasi di fiori colorati, candele profumate o essenze delicate per un ambiente sempre affascinante.

 

Le librerie possono essere realizzate in cartongesso ma anche in legno massello, multistrato laccato e  laminato. Oppure possono essere realizzate con la struttura in cartongesso e con ripiani in legno.

 

Nuovi spazi divisori; pareti attrezzate in cartongesso e legno laccato e laminato

 

Le librerie moderne dal design accattivante e originale possono non solo arredare il living quanto creare spazi divisori tra più ambienti.

Quale libreria fa al caso vostro?

Passanti o con schienale, a giorno o chiuse da vetro per proteggere i libri dalla polvere, le librerie possono essere personalizzate anche nelle finiture e nelle dimensioni, grazie alla modularità garantita nelle realizzazioni fatte proprio su misura da mobilifici e falegnami esperti.

 

Come scegliere una libreria in legno massello: tutte le info utili

Quando si parla di “librerie in legno massello moderne” si intende indicare delle particolari librerie composte da un materiale molto vantaggioso e diverso dal legno denominato “massiccio”. Come si sa, la libreria è una componente molto importante per l’arredamento. In fondo, come può mancare una libreria in una bella stanza della casa, soprattutto in uno studio o in un soggiorno molto ampio? Le forme di un mobile del genere sono davvero svariate e questa non è l’unica caratteristica che le rende differenti l’una dall’altra. Le librerie infatti differiscono ovviamente anche per colore e stile. Quando si tratta però di una libreria in legno massello classica, quindi formata esclusivamente da questo materiale, allora il numero dei vantaggi cresce in maniera spropositata, rispetto agli altri tipi di librerie.

Libreria in legno massello: cos’è il legno massello e quali sono i suoi vantaggi

La parte più interna di un tronco di legno si chiama “durame” e la sua caratteristica principale consiste nel dare vita al famoso “legno massiccio”. Quest’espressione si può sentire diverse volte quando si va in cerca di un mobile e ci si trova all’interno di un centro commerciale o di un apposito negozio di arredamenti. Il legno in questione è uno tra i più duri e resistenti in assoluto. Quando si vuole acquistare una libreria in legno massello, si ricaveranno infiniti vantaggi poiché questo tipo di materiale è completamente “naturale” e dotato di un numero molto elevato di caratteristiche differenti. Queste ultime dipendono dal tipo di pianta da cui viene estratto il durame. Da ciò, dipenderà la qualità, il colore, la resistenza del legno massello che ne sarà ricavato. Si può definire “naturale” tale componente, perché prima di poter essere intagliato e lavorato, questo legno deve essere sottoposto ad una stagionatura molto lunga. Si tratta di una fase molto importante perché ha lo scopo di rendere il materiale molto più stabile, dato che in questo modo perde l’umidità. Solitamente, per far sì che quest’operazione avvenga in tempi più brevi rispetto a quelli dovuti, molti scelgono di aiutarsi con processi di essiccazione artificiali. Questi ultimi però possono condizionare la qualità del legno, che risulterà migliore se verrà lasciato asciugare in modo naturale.

Quando si sceglie di acquistare una libreria in legno massello, si sceglie di possedere un vero e proprio bene prezioso, perché il suo materiale è raro e per ottenere la forma finale e il colore che possiede al momento della vendita, servono molte cure e anche molto tempo. Oltre a questo, non va dimenticato di sottolineare che il legno massello deve essere lavorato unicamente da personale altamente qualificato. Certamente, il cliente potrà stare tranquillo sul fatto che scegliendo una libreria di questo materiale, non solo potrà avere sicurezza per il sostegno del peso dei libri, ma avrà anche un ottimo risultato estetico. Altra particolarità del legno massiccio è infatti quella di essere definito da numerose persone come “molto elegante”, lucido, ricco di sfumature variabili e venature che danno quel tocco naturale, assente negli altri tipi di legno.

 

Negli ultimi anni, a causa dei tempi e anche dei suoi costi, la produzione del legno massello è diminuiti in favore di quella relativa al legno massiccio. A differenza del massello, per ottenere quest’altra tipologia di legno, si deve sfruttare interamente o quasi per intero il tronco dell’albero. In poche parole, si dovranno utilizzare tutte le sezioni del tronco, e non soltanto il durame. Tra i due, il legno massello risulta più costoso, ma la sua qualità è nettamente superiore rispetto a quella del legno massiccio.

Libreria in legno massello: le varie tipologie

La libreria in legno massello avrà certamente modo di far spiccare la sua eleganza, all’interno del soggiorno, o nella stanza in cui sarà posizionata. Per poter scegliere il tipo di libreria che meglio si abbini all’arredamento della camera o a quello dell’intera casa, è bene capire quali tipologie esistano. Le più acquistate sono:

 

libreria in legno massello classica

libreria in legno massello fai da te

libreria legno massello usata

libreria legno massello bianca

libreria legno massello colorata

librerie in legno componibili

 

Una prima distinzione che si può fare, riguarda quella classica o fai da te. Con la prima denominazione si intende un tipo di libreria in legno massello molto famosa, solitamente di forma rettangolare, dato che tende ad occupare le dimensioni di un’intera parete. Ovviamente, il suo colore e la sua forma possono cambiare, a seconda del tipo di spazio che occorre riempire e anche in base al numero di libri che il mobile dovrà contenere. Con l’espressione “fai da te” invece, si possono indicare due concetti ben diversi. Prima di tutto, si indicano delle librerie in legno componibili. Questo significa che verranno acquistate smontate, e a mano a mano si possono “comporre”, come quasi se si dovesse formare una sorta di puzzle. Si tratta in questi casi di una specie di “cubi” che possono essere montati uno sopra all’altro o uno sopra l’altro, al cui interno andranno posizionati i libri. Con il “fai da te” però si può anche indicare un tipo di libreria che il padrone di casa crea da solo, sempre utilizzando elementi in legno massello. Alcuni ad esempio acquistano delle mensole di questo materiale, le montano sulla parete desiderata e poi vi inseriscono sopra i libri. In questo caso chiamano la loro “costruzione” con il termine “libreria”, soprattutto nel caso le mensole sia ravvicinate ed anche numerose. Questa è senza dubbio una buona idea, anche se in qeusto caso, l’espressione “libreria in legno massello fai da te” rimane azzardata, perché più che una libreria si dovrebbe parlare di un insieme di scaffali.

 

Alcuni intendono anche, per “libreria fai da te”, una vera e propria costruzione che riescono a realizzare da sé. In situazioni simili però, si deve essere molto epserti nell’intaglio del legno. Anche se infatti si dovessero acquistare lastre di legno massello già pronte, costruire poi con queste una libreria, può non essere semplice!

Altra distinzione molto importante per le librerie in legno massello riguarda il loro colore. La scelta di quest’ultimo dipende esclusivamente dal proprio gusto e anche al tipo di arredo che si è scelto di seguire. Molti preferiscono una libreria bianca, ma altri ancora colorata. Il fattore della scelta delle varie tonalità dipende anche dal tipo di stanza a cui la libreria è destinata.

È possibile anche scegliere di acquistare una libreria usata. In tal caso, si deve provvedere a cercare una libreria legno sottocosto, e si può provare a vedere anche una libreria legno massello Ikea. Qui in effetti, sono davvero numerosi modelli che si possono trovare.

 

Perchè scegliere una pareti attrezzate in cartongesso

La progettazione di una parete in cartongesso, è una delle idee più funzionali e pratiche nel campo dell'arredamento moderno. Realizzando una parete attrezzata sarà facile sfruttare ogni spazio. Il cartongesso è l’ideale per un’ampia parete del soggiorno che altrimenti sembrerebbe vuota.  Una carta da parati di design stile industrial o vintage e il gioco di luci creato dall'inserimento di un'illuminazione specifica saranno le componenti per trasformare il vostro living in uno spazio armonioso e speciale.

Se ti piacciono le foto dei miei lavori richiedimi un preventivo gratuito per ristrutturare i tuoi spazi e creare progetti di design  in cartongesso!

Tutte le foto di questa parete attrezzata in cartongesso con ripiani in legno nella sezione del sito I miei lavori!

Librerie verticali in legno massello

Per chiunque non avesse spazio per creare una parete attrezzata e non vuole rinunciare al fascino della libreria potrà scegliere una moderna o vintage libreria verticale per conservare i libri che più ci hanno emozionato. Nel salotto, nello studio, camera o cameretta, una libreria sarà sempre utile e facile da collocare.

 

le zie di milano... tante idee per fantastiche librerie in legno massello

Le Zie di Milano, furniture design made in Italy, con esperienza trentennale, nascono dall’incontro di differenti professionalità. Azienda specializzata in librerie ma anche in sistemi per il living come torri e castelli in legno massello saranno la scelta perfetta per un ambiente moderno e originale.

 

Tutte le informazioni su queste ed altre librerie di design nel sito https://www.leziedimilano.com

 

 

Come arredare il soggiorno: perché scegliere pareti attrezzate in cartongesso?

Le pareti attrezzate in cartongesso possono essere un’ottima soluzione nel caso si sentisse la necessità di rinnovare gli ambienti interni della propria casa. Questo tipo di struttura è l’ideale per modificare qualsiasi tipo di spazio e precisamente, si tratta di una parete divisoria.

Pareti attrezzate in cartongesso: i vantaggi

Le pareti attrezzate in cartongesso sono senza dubbio un rimedio molto efficace per creare nuove strutture all’interno di un certo ambiente. Rispetto alle opere in muratura, che richiedono un periodo di tempo maggiore per essere realizzate, quelle in cartongesso invece possono essere una soluzione molto più veloce. Questo fattore però non costituisce l’unico vantaggio delle pareti in cartongesso. Tra i vari elementi positivi, è presente anche la versatilità del materiale principale: il cartongesso, appunto. Oltre a questo, si tratta di strutture perfette per provvedere all’isolamento acustico e anche a quello termico, sono ignifughe e quindi anche sicure, e risultano molto resistenti anche all’umidità e ai danni che possono provocare perdite d’acqua.

 

Non si deve dimenticare che quando si utilizzano pareti del genere, si avranno a disposizione degli elementi già pronti, che avranno solo bisogno di essere tinteggiati. Importantissima anche la loro durevolezza: sono resistenti, tanto che riescono a fronteggiare le possibili corrosioni provocate dal passare degli anni.

 

La lunga serie di motivi che potrebbero spingere a scegliere questa soluzione piuttosto che le costruzioni murarie, non termina qui. Alla lista deve essere aggiunta anche la libertà di progettazione, nonché il prezzo di gran lunga minore rispetto ad altri tipi di struttura. Se si scegliesse invece di optare per una costruzione in muratura, si dovrebbe pensare anche a ripulire l’ambiente, dato che lavori del genere causano polvere, macerie, sporco. Una parete in cartongesso invece permette di evitare questi fastidi, e permette anche di far costruire forme particolari. Tra queste, vi è addirittura la possibilità di richiedere la realizzazione di pareti di forma curva. Queste ultime sono molto utilizzate nelle case di nuova costruzione, e vengono considerate come elementi innovativi, in grado anche di risparmiare molto spazio. Importantissimo anche il fatto che il cartongesso è un tipo di materiale che non richiede l’utilizzo di malte per poter essere fissato. Proprio per questo motivo, pareti costruite con questo elemento sono davvero molto pratiche da usufruire.

Una parete in cartongesso inoltre non ha alcun problema nel sostenere anche pesi di un certo livello, e non comporta problemi nel caso debba contenere il passaggio di impianti di natura idraulica oppure elettrica. Insomma, scegliendo delle pareti del genere, si potrà arredare il proprio soggiorno in modo semplice, veloce, pratico, senza minacciare in modo eccessivo il proprio portafoglio!

Pareti attrezzate in cartongesso: le varie tipologie

Come si è visto, la parete attrezzata moderna in cartongesso è un’ottima soluzione per il proprio soggiorno, ed anche per il resto degli ambienti della casa. Un ulteriore suo vantaggio è che ne esistono varie tipologie, tra cui la parete attrezzata in cartongesso e legno e la parete attrezzata in cartongesso e pietra.

La prima tipologia è particolarmente utilizzata per la creazione di librerie in cartongesso. Alcune persone si servono delle pareti costituite da questo materiale per poter realizzare cornici incassate tra i libri, oppure cassetti di legno ed ante chiuse.

 

Il vantaggio di pareti del genere è proprio il fatto che le loro misure, il loro spessore e persino i loro materiali interni possono variare a seconda della destinazione d’uso che occorre farne. Prima di richiedere oppure acquistare un elemento simile, è bene sempre leggere l’eventuale scheda tecnica, dove saranno scritte tutte le componenti, oppure chiedere agli operai e al personale addetto all’installazione del pannello. Parete di cartongesso può essere “semplice”, definita anche “classica”. Questa tipologia è molto utilizzata per eseguire delle decorazioni oppure per controsoffitti. Nel caso invece si richiedesse una parete ignifuga ed anche molto resistente, allora la parete dovrà contenere sia cartongesso, sia fibre di vetro. In alternativa, queste ultime possono essere sostituite anche con fibre minerali e altri additivi.

Quella “a spessore maggiorato” è invece una parete attrezzata in cartongesso per tv. Si tratta di una struttura molto più resistente rispetto alle altre, perché ha il compito di supportare carichi molto pesanti, come televisori oppure quadri o librerie.

 

Le lastre di cartongesso più spesse vengono chiamate anche “armate”, anche se di solito con questo termine si indicano le pareti resistenti al fuoco ed anche all’umidità. Se invece si opta per una parete attrezzata di cartongesso che abbia lo scopo di fare da isolante acustico oppure che serva per l’isolamento termico, allora all’interno possono essere inseriti vari materiali. In base al tipo di elemento con cui sarà abbinato il cartongesso, si avrà una soluzione isolante acustica oppure isolante dal passaggio del freddo/caldo.

 

Si dovrà invece scegliere la cosiddetta “parete di cartongesso flessibile” se, come accennato precedentemente, si vogliono installare delle forme curve per risparmiare un determinato spazio. In questo caso si potranno anche realizzare decorazioni innovative e fuori dal comune, che seguono un determinato stile architettonico, o semplicemente i propri gusti particolari. Le pareti di cartongesso flessibili hanno anche la caratteristica di avere uno spessore minimo, proprio perché dovranno assumere una forma curva.

Esistono infine anche le pareti in cartongesso “anti-umidità” oppure “anticondensa”. Anche in questo caso, il materiale da abbinare al cartongesso è variabile e il pannello assume la denominazione di “pannello idrostatico”. In alternativa, viene utilizzato anche il nome di “idrolastra”. Insomma, le pareti attrezzate in cartongesso si dividono in numerose tipologie, ognuna formata da materiali, spessore, forme differenti a seconda dello scopo di utilizzo.

Parete attrezzata in cartongesso immagini

Pareti attrezzate in cartongesso: si possono usare dappertutto

Gli usi di una parete attrezzata in cartongesso, come si è visto sono molteplici. Ad esempio, possono essere impiegate per separare ambienti all’interno di un soggiorno, in particolar modo per dividere l’ingresso da questa stanza, oppure possono essere utilizzate anche per ricavare un angolo all’interno di un ufficio. Molte persone le utilizzano per realizzare un antibagno, oppure semplicemente come parete aggiuntiva di decorazione o adibita al supporto di pesanti carichi. Tra questi, persino tv oppure librerie. Certamente, il loro impiego costituisce una lunga serie di fattori positivi e di gran lunga convenienti rispetto alla realizzazione di strutture murarie o di altro tipo.

 

Spazio a cura di Gloria Gargano

Contattami

Nota: I campi con l'asterisco sono richiesti